Nel 2011 il Ministero della Salute ha pubblicato le linee guida sulla prevenzione delle patologie Odontoiatriche, un volume di oltre duecento pagine che pochi si saranno letti, ma che rivela una verità “scomoda” su le cure Odontoiatriche.

Nelle pagine in cui si parla dei Disordini Temporo-Mandibolari, si legge: I disordini temporo-mandibolari (DTM) sono una serie di condizioni cliniche caratterizzate da segni e sintomi che coinvolgono i muscoli masticatori, l’articolazione temporo-mandibolare (ATM) e le strutture associate…. a volte, possono essere disordini associati a trattamenti odontoiatrici non eseguiti “a regola d’arte”. La maggior parte dei pazienti lamenta un’alterazione dello stato funzionale e una riduzione della qualità di vita…gli studi non confermano la correlazione tra postura errata e DTM; in particolare, non è stata trovata alcuna differenza tra la postura della testa in soggetti con DTM e soggetti di controllo sani. L’eziologia e la fisiopatologia dei DTM è poco conosciuta…

Quindi nel caso della DTM si afferma di non conoscere l’eziologia e che non esistono evidenze scientifiche che provino una correlazione tra malocclusione e disfunzioni posturali. Una vecchia “bufala” che i pazienti si sono dovuti sorbire per anni!!!. Oggi in internet esistono decine di siti di dentisti e gnatologi che parlano di una “visione olistica dell’organo masticatorio” e che addirittura puntano il dito contro i loro stessi colleghi Odontoiatri accusandoli di una grave mancanza di conoscenza e di aver procurato un danno ai pazienti, a causa della incongruità delle terapie.

Ma come per magia nel caso delle malocclusioni da (0-14 anni), gli odontoiatri affermano di avere una buona conoscenza dell’argomento…I bambini con respirazione prevalentemente orale e mascellare superiore contratto traggono beneficio da espansione ortopedica del mascellare…nell’ambito di un idoneo svolgimento della postura e dell’equilibrio dinamico corporeo, l’occlusione e le funzioni stomatognatiche svolgono un ruolo importante… Tra i fattori eziologici che causano le malocclusioni l’affollamento dentario, i diastemi interdentali, i denti sovrannumerari, le agenesie, la crescita parziale dei mascellari e le sindromi malformative…(succhiamento del dito o succhietto, respirazione orale e postura linguale anomala).

Come sappiamo DTM, DCCM, DCM, sindrome di Costen e malocclusione sono solo modi differenti per definire la medesima patologia ATM (Articolazione Temporo Mandibolare). E se questa non è una “bufala” quanto meno è un depistaggio ad hoc, fatto allo scopo di nascondere una verità scomoda, fatta tutt’ora di trattamenti incongrui e “non a regola d’arte”, che ha portato questa patologia ad essere esclusa dai LEA e dalle prestazioni fornite dal S.S.N. e che allo stesso tempo ha condotto i pazienti disperati, vittime dell’alea terapeutica, a curarsi da soli, bite, trapanino da hobbystica e carta da masticazione.