Come abbiamo visto con Renzi e la Lorenzin, abbiamo assistito all’ascesa del più alto numero di incompetenti, superficiali, e condannati. Con Grillo e i suoi “agenti del turismo” finiremo sicuramente per stabilire un nuovo record, quello di chi le spara più grosse. E se nel caso dei vaccini la questione appare “dubbia” a causa dei grossi conflitti d’interesse.

Nel caso della D.C.C.M. è tutto molto chiaro e ben documentato. Ed è la prova di come oggi la politica e la “medicina ufficiale” siano sempre più uno strumento di potere nelle mani delle multinazionali della salute.

RICORDO ai distratti, che nel 2015 l’attuale ministra G. Grillo ha presentato una interrogazione parlamentare in merito alla cura della DCCM ma poi la stessa Grillo rifiuta di rispondere in merito agli esiti della sua iniziativa. Altro che sanità “modello” di pratica medica secondo scienza e coscienza o altre cazzate simili nel caso della D.C.C.M. di “scientifico” c’è solo la corruzione delle lobby (odonto-farmaco-assicurative) che sulla base di un loro tornaconto economico, da anni impediscono di rendere “ufficiale” la cura, e ciò che per altro, si conosce da tempo in merito alla fisiologia umana.

A tal punto che spesso mi chiedo se l’odontoiatria sia ancora da annoverarsi tra le professioni medico-sanitarie. E anche in questo caso la “sperimentazione” riguarda i più indifesi cioè i bambini da (0-14 anni), visto che nel caso delle malocclusioni e dei disordini temporo-mandibolari (DTM), come afferma il ministero nelle line guida del 2011, la causa della patologia oltre ad essere poco conosciuta e studiata, in taluni casi è da attribuire a cure Odontoiatriche “eseguite non a regola d’arte” solo e unicamente a causa del fatto che il ministero della salute allo scopo di “privatizzare” la sanità pubblica ha autorizzato i dentisti a non fare diagnosi e a praticare cure non su una base scientifica, o secondo scienza e coscienza come sarebbe ovvio, ma bensì sui generis senza nemmeno un protocollo medico che provi i reali benefici, appropriatezza ed efficacia delle terapie, ad oggi praticate da molti dentisti.

E la corruzione di cui spesso parliamo ancor prima che un fatto morale, è un problema di insufficienza intellettuale, che produce masse di individui di ristrettissime vedute, individui pieni di dogmi e pregiudizi che come vediamo ogni giorno non riescono più a capire le idee generali e tanto meno sono in grado di muoversi per un interesse generale. Un popolo bue sempre pronto a credere a tutto e altrettanto spesso “portato” a non credere più a nulla.